Firmato tua F. recensione di Egidio Monteleone

Le donne, bisogna osservarle con attenzione, per poterle conoscere almeno un po’, ascoltarle, per imparare ad amarle, e cominciare a leggerle, per capire cosa si nasconde dietro le loro parole. Katyg Writers ci racconta di un “amore malato” come lei stessa lo definisce; non per deprimersi a leggere il dolore altrui, ma per comprendere che oltre l’amore non corrisposto, o elemosinato, c’è la capacità che ogni donna deve avere: quella di amare se stesse e accorgersi di possedere delle ali nel momento in cui si sta precipitando. Perché come dice la scrittrice “L’amore è un ponte, collega: la forza alla fiducia”. Katyg – FIRMATO TUA F. Edito da Kimerik

Precedente Sognamose Successivo Firmato tua F, recensione di Franco Battaglia